Isola delle Femmine

La Storia

L’isola delle femmine ha senza dubbio un nome curioso, un’isola dedicata al gentil sesso non si vede tutti giorni. L’origine del nome secondo gli storici proverrebbe dalla parola “fim” termine arabo che indica bocca o imboccatura diventato poi fimis, fimmini ed infine italianizzato “isola delle femmine”. Ma Fim potrebbe anche risalire al nome storpiato di Eufemio, governatore Bizzantino di Messina. Ben più conosciuta è la versione che vuole far risalire il nome alla leggenda delle 13 donne turche che colonizzarono per prime l’isolotto. Pare infatti che in un tempo remoto tredici donne turche furono rinnegate dai propri mariti i quali le misero insieme su una barca e le lasciarono alla deriva. Le donne vagarono per il mare fino a trovare un isolotto sul versante nord-occidentale della Sicilia, qui abbandonarono la loro barca ed  iniziarono a rendere più confortevole il soggiorno riuscendo a costruire anche una torre. Vissero in quest’isola per 7 lunghi anni, finchè le giovani ebbero una sorpresa vedendo approdare i loro mariti che, pentiti del loro gesto intrapresero un viaggio per riportarle a casa. Quando si furono riconciliati, mariti e mogli decisero di non ritornare in patria e, arrivati sulla terra ferma sicula, fondarono un paese che chiamarono “Ca-paci” (qui la pace) dove vissero per sempre felici e contenti. Tra gli abitanti del comune che prende il nome proprio dall’isolotto è nota anche la leggenda che vuole che l’Isola delle femmine fosse un luogo di disperazione poichè sede di un carcere femminile. Un’altra leggenda lega l’isola delle femmine alla creazione non solo di Capaci ma anche di Partinico. La storia tratta di una vera e propria ribellione femminile. Un giorno tutte le donne di un paese nei pressi dell’attuale Partinico stanche dei soprusi subiti dagli uomini decisero di abbandonarli e, insieme, andarono a vivere nell’isolotto poco distante (l’Isola delle femmine). Gli uomini, inizialmente, accolsero la notizia con entusiasmo ma col passare dei giorni cominiciarono a sentire il peso dell’assenza delle loro compagne e, di comune accordo, incaricarono un bambino di andare a chiedere scusa alle donne e supplicarle di tornare in famiglia (da qui Parti-nico cioè Vai piccolo!). Le donne accettarono le scuse dei mariti e la pace fu fatta di fronte l’isolotto dove erano andate a rifugiarsi le ribelli (Ca-paci appunto).

Dove si trova

Per guardare il video scarica l’App di Labirinto Sicilia!