Scilla e Cariddi

La Storia

Scilla e Cariddi sono due mostri che risiedono in grotte sottomarine, una di fronte l’altra. Da sempre i loro nomi vengono associati, non c’è Scilla senza Cariddi, sono i mostri padroni dello Stretto di Sicilia, Scilla risiede nell’estrema punta della Calabria e Cariddi nell’estrema punta nord della Sicilia. Il loro destino è simile ma diverso. Entrambe non nacquero mostri ma lo diventarono, a causa dell’ira o della gelosia di esseri potenti come maghe o dei. Scilla era una giovane ninfa, amava immergersi nelle dolci acque dello Stretto, in una di queste occasioni i suoi occhi si posarono sul bel Glauco, un giovane pescatore che era solito pescare in quelle zone. Fu amore a prima vista, la ninfa da quel momento non ebbe occhi che per lui e, colma d’amore, si confidò con la maga Circe, non sospettando che anch’essa fosse innamorata del bel giovane. Circe, saputo dell’amore della ninfa, pazza di gelosia, decise di farla pagare alla povera Scilla rendendo impossibile l’amore fra i due. Avvelenò così le acque in cui la ninfa si immergeva di solito e quando Scilla entrò in acqua si trasformò in un orribile mostro antropofago con teste di cane che spuntano dalla vita, ognuna delle quali  ricoperta da una triplice fila di denti aguzzi. Una seconda versione vuole che fosse Glauco ad essersi innamorato della bella Scilla che però non ricambiava il suo amore, il giovane pescatore allora si rivolse a Circe per un filtro d’amore, quest’ultima gelosa di Glauco avvelenò le acque della ninfa trasformandola in un mostro. Cariddi, invece, era la figlia del dio Forco e di Gea, da sempre molto vorace arrivò al punto di rubare i buoi sacri di Ercole per mangiarli. Ercole indispettito si rivolse a suo padre Giove che per riscattare il torto fatto al figlio la trasformò con un fulmine in un mostro marino costretta ad ingurgitare e rigettare per tre volte l’acqua in un ciclo perenne. Scilla e Cariddi, i pescatori lo sanno, sono ancora lì, ad agitare le acque e a cercar vendetta e lo saranno per sempre.

Dove si trova

Per guardare il video scarica l’App di Labirinto Sicilia!