Gli Elimi

Tra le civiltà scomparse, ce n’è una che visse in Sicilia e che raggiunse un alto grado di cultura, tanto da fondare alcune delle città più importanti dell’antichità: Erice e Segesta. Diverse fonti ci parlano di questo popolo, ma poche sono le testimonianze dirette: stiamo parlando degli Elimi...

Guarda la scheda

Buntarigah

La valle del fiume Anapo, nell’entroterra siracusano, è uno dei luoghi più magici della Sicilia. Le rupi a strapiombo sul fiume sono cesellate di migliaia di piccole caverne di forma rettangolare che formano una sorta d’alveare di pietra...

Guarda  la scheda

La chiesa dei coccodrilli

Ci fu un tempo in cui in Italia avvenero degli strani fatti, sotto le arcate di alcune chiese apparvero all’improvviso dei resti di coccodrillo, imbalsamati e non. Il motivo di ciò non si seppe mai ma la chiesa, da sempre, associa il coccodrillo al male, all’ipocrisia, alla falsità...

Guarda  la scheda

Il mistero di Ustica

Sono le ore 21 del 27 giugno del 1980 quando scompare dallo schermo radar il dc-9 Itavia, in volo da Bologna a Palermo, con 81 persone a bordo. Il controllore cerca di ristabilire il contatto con il pilota, ma non risponde più nessuno: l’aereo è precipitato in mare...

Guarda  la scheda

 

Caronia: il paese che prende fuoco

I televisori si fondono, le prese di corrente prendono fuoco, così come i letti ed i cestini della carta, tutto inaspettatamente e senza l’apparente intervento diretto dell’uomo. E’ quello che succede dal 2004 a Canneto di Caronia in provincia di Messina. Ad oggi non ci sono spiegazioni certe a questi fenomeni...

Guarda  la scheda

Briganti con la tonaca

Il 12 marzo 1962, alla Corte d’Assise di Messina, sfilano quattro frati cappuccini: Vittorio, Venanzio, Agrippino e Carmelo. Sono in carcere da due anni e sui volti scavati portano il peso di accuse gravissime: associazione per delinquere, concorso in omicidio ed estorsione continuata...

Guarda  la scheda

previous

prossimo

Home Page

Il Progetto

La Sicilia è terra di misteri, di cose oscure, nascoste, di piccoli segreti, di storie sconosciute. La Sicilia è labirinto, porta dell’Oriente e dell’Africa, isola di vulcani che tutto assimila e tutto distrugge. La Sicilia è un triangolo al centro del Mediterraneo: il suo simbolo è il triscele, una testa di medusa con tre gambe.

I misteri della Sicilia sono antichissimi ma non sono soltanto eredità lontane delle culture che l’hanno abitata, piuttosto vengono alimentati dalle vicende che qui si sono svolte e continuano a svolgersi. La realtà, in Sicilia, è sempre indecifrabile: l’apparenza nasconde, ostenta, senza riguardo per la misura e la cosiddetta Ragione. È una questione storica, sociale, ma anche esistenziale, pirandelliana per l’appunto, un sentimento di vivere che soggiace i più piccoli gesti quotidiani come i massimi sistemi.

Riusciamo a immaginare la bellezza della Sicilia senza il magma inquietante dell’Etna o le spine dei fichidindia? L’enigma è fascino, ammalia, racconta.

I misteri di questa terra sono dunque i misteri dell’Italia, del nostro passato e del nostro quotidiano, enigmi irrisolti, labirinti in cui continuiamo a perderci, storie che aspettano di essere raccontate, fosse soltanto per vanità e vezzo, per  fare luce o per seguire un filo nel buco nero della verità. Ogni mistero ha il suo teatro, il suo tempo e i suoi personaggi:  santi e blasfemi, criminali e sbirri, popolani e nobili, fantasmi, pescatori, ninfe, satiri.

E il teatro è un labirinto: Labirinto Sicilia.